IL DOSSIER
Vai al sommario del DOSSIER
 
Home
Ultimo numero
Archivio
Consiglio editoriale
Comunicazione
Abbonamenti
La casa Editrice Alkes
2015_cookie_policy.gif
.
 
COVER STORY

De Luca: “Nonostante tutto... l’Italia
sta offrendo le migliori opportunità”

Nuova Energia 5 | 2016 - cover story

In occasione dello European Energy Workshop 2016, Nuova Energia ha incontrato Domenico De Luca. “L’elemento più eclatante di questi ultimi anni in Europa - ha dichiarato l’AD di Axpo Trading - è stato il crollo del valore dell’energia. L’entità del fenomeno è rilevante e inedita e la causa principale va ricercata nel collasso dei prezzi delle commodity energetiche. Anche a seguito di questo elemento, i modelli di business delle società energetiche europee sono stati completamente messi in discussione”.
“A livello internazionale la Germania è forse il Paese che ha sofferto di più - ha aggiunto De Luca - mentre nel complesso continentale, proprio l’Italia...”




Qualcosa si muove ma il tempo stringe

Innovazione e ricerca non sono spartiti per i quali servono pirotecnici assolo. Occorrono azioni singole efficaci, inquadrate però in un contesto ben chiaro e strutturato di idee e di infrastrutture.
Viene in mente la SEN del governo Monti, ormai vecchiotta e superata, anche se mai presa realmente in considerazione...

 
LE NOSTRE FIRME

Spirerà vento
di bufera sul mercato
dell’energia


Sul mercato italiano sono 324 le imprese che lottano per poco più di 1 miliardo di euro. È di immediata evidenza che c’è qualcosa che non torna; e in effetti, più si ragiona sui numeri più diventa chiaro che questo sistema non può reggere e se finora ha retto è grazie a qualche stortura che ne ha consentito l’esistenza...

Giuseppe Gatti...

Border carbon
adjustment
,
soluzione imperfetta


Gli economisti sono sostanzialmente d’accordo: le misure di aggiustamento alle frontiere non sono la migliore soluzione al problema del cambiamento climatico. Meglio non pensare a questo tipo di risoluzioni e concentrarsi sull’accelerazione dei negoziati internazionali, per superare al più presto...

Carlo Andrea Bollino*


Il salto della staccionata digitale
e le tre A dell’informazione


Sono le tre A dell’informazione - anything, anytime, anywhere - a stabilire i nuovi binari del dialogo. Il risultato è che i modelli classici della comunicazione, l’organizzazione delle aziende, i canoni tradizionali della professione giornalistica, le competenze richieste ai manager delle aziende, sono stati messi in discussione e vanno quantomeno ampliati.

Massimo Garanzini...



 
RINNOVABILI

Il senso degli incentivi
nel settore energia


Parliamoci chiaro. Sic et simpliciter, se si guarda unicamente alla sostenibilità ambientale, conviene un comportamento da free rider.
E in una logica strettamente utilitaristica ed egoista, all’Italia non conviene essere capofila e investire nella sostenibilità ambientale...



SUL TEMA POTREBBE INTERESSARTI:
Integration of variable renewables
Variable Energy Sources: a global overview
Nuovo decreto incentivi, luci e ombre ...





Colarullo: “Ora all’acqua
serve un coach


Con l’attribuzione all’AEEG delle competenze nel settore idrico si è inserito un tassello fondamentale - quello della regolazione indipendente - che mancava alla Legge Galli. Adesso serve un’Autorità che alla funzione di arbitro affianchi anche un ruolo di coach nella crescita di un intero comparto...


SUL TEMA POTREBBE INTERESSARTI:
La sicurezza sismica delle dighe
Il settore idrico in Italia? Carpe diem!

 
SCENARI

Smart grid? Senza l’utente
non se ne fa niente!


La strada è lunga, complessa e costosa. Ma le reti intelligenti sono una necessità, se si vuole andare verso uno sviluppo sostenibile. Nel percorrere questa strada occorre fermarsi a rispondere ad alcune domande sul senso di questa prevista rivoluzione...



SU QUESTO TEMA POTREBBE INTERESSARTI:
Carbone: ritorno al passato
La strana estate del petrolio
Gobal warming: (non) diamo i numeri





Non sottovalutiamo
gli effetti della Brexit


Il referendum inglese ha generato una corsa alla turbo-finanza energetica orientata al risparmio, che rischia di far saltare la linearità di un piano energetico di lungo periodo, quale era quello britannico. Tra le possibili conseguenze anche il revival dei denigratori del cambiamento climatico...


SUL TEMA POTREBBE INTERESSARTI:
Power production in Europe
Un’Europa. Cento bollette

 
© 2005 – 2016 www.nuova-energia.com